ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOLOGIA ESTETICA

facebook (1)

 

Negli ultimi anni il mondo dell’estetica si è notevolmente sviluppato, assumendo una rilevante importanza sociale e passando dalla contemplazione della bellezza artistica (da ammirare in qualche spazio riservato, come per esempio una mostra o un museo) alla realtà quotidiana, dove il bisogno di bellezza vive tutti i giorni sul corpo e sul desiderio di milioni di persone. Per questa sua nuova valenza sociale, ma anche alla luce delle scoperte che riguardano il funzionamento della mente umana, c’è bisogno di approfondire queste tematiche e di indagare le ragioni dei comportamenti di apprezzamento della bellezza e la loro dimensione emozionale.

L’Associazione Italiana Psicologia Estetica, partendo dal presupposto che l’estetica rappresenti per la mente una continua fonte d’ispirazione e di orientamento di molte funzioni psichiche, propone una nuova riflessione scientifica e umanistica che riorienti lo studio del giudizio estetico dal soggetto/oggetto, alla relazione psicologica emergente tra il soggetto percipiente e l’ambiente culturale in cui è resa possibile l’esperienza della bellezza.

La psicologia estetica si propone di esplorare e analizzare il mondo della bellezza e del benessere in modo unitario e coerente (cosmesi, medicina e chirurgia estetica, ma anche moda, arte e architettura, life-style, psicowellness, etc), e di strutturare gli elementi fondanti di una nuova disciplina che ha la “mission” di occuparsi di come le persone sentono, pensano e aspirano all’armonia, al bello, al benessere individuale e sociale.

Se l’obiettivo primario di chi lavora nel campo estetico è quello di ‘creare’ concretamente bellezza e benessere, d’altra parte non ci si può sottrarre a comprendere le dinamiche psicologiche che, seppure non espresse, rappresentano il cardine e il convitato di pietra di ogni trattamento estetico. Viene per questo proposta una nuova branca della psicologia che indaga i processi mentali riferiti alla percezione, all’esperienza e alla comunicazione emozionale del bello, con particolare attenzione all’impatto sociale che questi temi hanno sulla vita, le aspettative e la cultura di milioni di persone in tutto il mondo.

Dr. GIUSEPPE POLIPO – Presidente AIPE

—————————————————————————

BIBLIOGRAFIA:

 

POLIPO G. (2014) “Psicologia dell’Estetica. Istruzioni per una bellezza consapevole”

Clicca nell’immagine per consultare l’indice del libro

 

 

I corsi AIPE 2017-2018

CORSO BASE DI PSICOLOGIA ESTETICA

Il percorso formativo è di tipo modulare e comprende temi che vanno dalle basi neurobiologiche del bisogno/desiderio di bellezza, alla psicologia dei colori, ai ‘tools’ operativi per la valutazione della presentazione  sociale.

Finalità e obiettivi formativi

1) L’acquisizione di una cornice teorica coerente della psicologia applicata al mondo della bellezza e del benessere.

2 ) L’approfondimento degli aspetti psico-emozionali e sociali dell’estetica  e della cosmesi.

3) La conoscenza delle problematiche legate ai disturbi dell’immagine corporea (inestetismi cutanei, anoressia, bulimia, narcisismo, dismorfofobia, bassa autostima, mimesi).

4) L’apprendimento di strumenti operativi per rendere più consapevole e funzionale la comunicazione in ambito estetico.

 

 

Costi e modalità di iscrizione ai corsi/seminari di psicologia estetica

  • Il costo per ogni singolo corso/seminario è di € 150 e  si svolge in un giorno intero + la mezza giornata successiva.
  • Il costo della formazione completa in psicologia estetica (4 appuntamenti  di un giorno e mezzo indicati in rosso nel calendario) è di € 500.
  • il seminario del 25 – 26 marzo 2018, indicato in verde, è riservato a medici e psicologi e ha un costo extra di 150 euro.

E’  prevista una verifica finale che consente l’iscrizione all’associazione.

Sono compresi nel costo: il materiale didattico e l’attestato di partecipazione.

 

Per ulteriori informazioni sull’associazione e sui corsi e  per richiedere la scheda di iscrizione:

mail: aipe@psicologiaestetica.org      Cell. 328.84.95.597