ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOLOGIA ESTETICA

facebook (1)

Negli ultimi anni il mondo dell’estetica si è notevolmente sviluppato, assumendo una rilevante importanza sociale e passando dalla contemplazione della bellezza artistica (da ammirare in qualche spazio riservato, come per esempio una mostra o un museo) alla realtà quotidiana, dove il bisogno di bellezza vive tutti i giorni sul corpo e sul desiderio di milioni di persone. Per questa sua nuova valenza sociale, ma anche alla luce delle scoperte che riguardano il funzionamento della mente umana, c’è bisogno di approfondire queste tematiche e di indagare le ragioni dei comportamenti di apprezzamento della bellezza e la loro dimensione emozionale.

L’Associazione Italiana Psicologia Estetica, partendo dal presupposto che l’estetica rappresenta per la mente una continua fonte d’ispirazione e di orientamento di molte funzioni psichiche, propone una nuova riflessione scientifica e umanistica tesa a riorientare lo studio del giudizio estetico in modo da includere la relazione psicologica emergente tra il soggetto percipiente e l’ambiente culturale in cui è resa possibile l’esperienza della bellezza.

La psicologia estetica si propone di esplorare e analizzare il mondo della bellezza e del benessere in modo unitario e coerente (cosmesi, medicina e chirurgia estetica, ma anche moda, arte e architettura, life-style, psicowellness, etc), e di strutturare gli elementi fondanti di una nuova disciplina che ha la “mission” di occuparsi di come le persone sentono, pensano e aspirano all’armonia, al bello, al benessere individuale e sociale.

Se l’obiettivo primario di chi lavora nel campo estetico è quello di ‘creare’ concretamente bellezza e benessere, d’altra parte, non ci si può sottrarre a comprendere le dinamiche psicologiche che, seppure non espresse, rappresentano il cardine e il convitato di pietra di ogni trattamento estetico. Viene per questo proposta una nuova branca della psicologia che indaga i processi mentali riferiti alla percezione, all’esperienza e alla comunicazione emozionale del bello, con particolare attenzione all’impatto sociale che questi temi hanno sulla vita, le aspettative e la cultura di milioni di persone in tutto il mondo.

Dr. GIUSEPPE POLIPO – Presidente AIPE


BIBLIOGRAFIA:

POLIPO G. (2014) “Psicologia dell’Estetica. Istruzioni per una bellezza consapevole”. Clicca nell’immagine per consultare l’indice del libro

Richiedi via mail il libro o il modulo di iscrizione ai seminari di psicologia estetica

 

 

 

 

SONO APERTE LE ISCRIZIONI AI PROSSIMI SEMINARI DI PSICOLOGIA ESTETICA 2019-2020

 

A LEZIONE DI BELLEZZA 2019-2020
Seminari di psicologia estetica

I seminari introducono alle tematiche della psicologia estetica quale strumento per comprendere il bisogno/desiderio di bellezza (cosmesi, moda, estetica professionale, medicina e chirurgia estetica). La bellezza, infatti, è uno dei più profondi bisogni dell’anima umana, ed è un’esperienza emozionale che rappresenta per la mente una continua fonte di energia, ispirazione e orientamento delle funzioni psichiche. Lungi dall’essere una richiesta “superficiale”, rappresenta un importante tentativo di ricomposizione sensoriale e psicofisica che la psicologia estetica aiuta a comprendere.

Obiettivi formativi

1) L’acquisizione di una cornice teorica coerente che renda comprensibili gli aspetti psico-emozionali del bisogno estetico/cosmetico.

2) Il miglioramento del rapporto operatore estetico-cliente e della capacità di comunicare bellezza.

La formazione AIPE  in psicologia estetica è di tipo modulare e comprende temi che vanno dalle basi neurobiologiche del bisogno/desiderio di bellezza, alla psicologia dei colori, ai ‘tools’ operativi per la valutazione della presentazione sociale

1° seminario:
La bellezza in tutti i sensi
Milano 5 ottobre (ore 9.30 – 18) – 6 ottobre (ore 9.30 – 13)
Roma 19 ottobre (ore 9.30-18) – 20 0ttobre (ore 9.30 – 13)

– Di che cosa parliamo quando parliamo di bellezza?
– Che cos’hanno in comune psicologia ed estetica?
– Psicologia estetica: definizione, metodi, orientamenti
– Il linguaggio sensoriale come fondamento dell’estetica
– Istinti, bisogni, motivazioni: il lato inconscio della bellezza
– La memoria olfattivo-affettiva
– Le emozioni, i colori dell’anima
– Estetica: la ricerca individuale e sociale di armonia e bellezza
– Per un’estetica del con-tatto: il massaggio
– Il giudizio estetico: nascita ed evoluzione di un paradigma
– I canoni estetici: immagine corporea e valore sociale
– Intelligenza estetica: l’arte di essere, mostrarsi, risplendere

2° seminario:
Dalla pelle dermatologica all’Io–pelle

Milano 6 ottobre (ore 14.30 – 18) – 7 ottobre (ore 9.30 – 18)
Roma 20 ottobre (ore 14.30 – 18) – 21 0ttobre (ore 9.30 – 13)

– Che cosa sappiamo della pelle?
– La pelle come involucro biopsichico
– Dalla pelle dermatologica all’io-pelle
– L’identità psico-cutanea: la pelle ‘abitata’
– La pelle, luogo del desiderio: differenziazione e richiamo sessuale
Psicoaging: quando la mente invecchia prima della pelle
– Il contatto pelle a pelle: relazione e cura
– Unghie e capelli: l’importanza psicologica degli annessi cutanei
– Quando la pelle comunica il disagio: gli inestetismi cutanei
– I problemi della pelle: un modello di terapia integrata

3°seminario:
La comunicazione in ambito estetico
Roma 16 novembre (ore 9.30 -18) – 17 novembre (ore 9.30 -13)
Milano 23 novembre (ore 9.30 – 18) – 24 novembre (ore 9.30 -13)

– La comunicazione: un ponte tra l’operatore estetico e il cliente:
– Corpo chiuso, corpo aperto, corpo del desiderio: il linguaggio del corpo
– Come si legge una faccia? – Il volto, il grande comunicatore
– I vincoli biologici del comportamento: temperamento, personalità, carattere
– Competenti o confidenti?
– Ascolto attivo e modelli di comunicazione
– Magia e limiti della parola
– Gli errori di comunicazione più comuni in ambito estetico
– Nodi e limiti della comunicazione
– Comunicare bellezza in modo effettivo ed efficace

4°seminario:
Seminario sulla presentazione sociale
Roma 17 novembre (ore 14.30 – 18) – 18 novembre (ore 9.30 – 13)
Milano 24 novembre (ore 9.30 – 18) – 25 novembre (ore 9.30 – 13)


– La presentazione sociale tra status, espressione e mimesi
Dall’immagine del corpo all’estetosfera
– L’identità sociale al tempo della chirurgia estetica
– Psicologia del ‘look’: il linguaggio segreto delle forme e dei colori
– Abbigliamento, moda, cosmesi: la persona come attore sociale
– Perché ci vestiamo come ci vestiamo?
– Cosmesi: armonizzazione o trucco?
– L’abito fa il monaco? Il quoziente estetico
– Estetogramma: uno strumento operativo della psicologia estetica

I seminari sono diretti dal Dott. Giuseppe Polipo, medico estetico, psicoterapeuta, presidente dell’Associazione Italiana Psicologia Estetica e indirizzati ai professionisti della bellezza. A Roma si svolgono con la collaborazione e nella sede dell’associazione Nazionale Truccatori (ANTEP).

 Il costo di ogni singolo seminario è di € 150 euro e comprende il materiale didattico e l’attestato di frequenza. I posti sono limitati (max 20) e le iscrizioni saranno accettate in ordine cronologico fino ad esaurimento posti.

Per + info e iscrizioni:
www.psicologiaestetica.org
aipe@psicologiaestetica.org

Sede dei corsi:
Milano: Viale Cirene 18 (c/o AVS)
Roma: Via Baldo degli Ubaldi 250 (c/o ANTEP)

A breve la pubblicazione dei seminari 2019 – 2020 dedicati agli psicologi e ai medici estetici.

Qualche minuto in video per presentare la psicologia estetica in ambito medico-chirurgico.

Riflessioni sull’estetica